Tutti i reportage delle 4 tappe dall'Alaska a Ushuaia

1^ tappa del viaggio from ALASKA to USHUAIA - 2014 Nord America --- 2^ tappa del viaggio from ALASKA to USHUAIA - 2015 Centro America

3^ tappa del viaggio from ALASKA to USHUAIA - 2016 Sud America --- 4^ tappa del viaggio from ALASKA to USHUAIA - 2017 Patagonia e Tierra del Fuego

Dopo Ushuaia: BRASILE Moto Tour 2017 di Pinuccio e Doni

giovedì 16 marzo 2017

SPONSOR




Grazie a tutti gli SPONSOR che ci hanno dato fiducia anche durante questo moto-tour di inizio 2017, permettendoci di testare i loro prodotti e facendoci viaggiare con quanto di meglio offre il mercato!!! 

Pinuccio & Doni   www.pinuccioedoni.it

Vedi i loghi delle aziende (in ordine alfabetico) con relativi link, nella colonna qui a destra   >>>   >>>   >>>   >>>

64-65) URUGUAY, SPAGNA, ITALIA

45.464708$9.097735$64-65) 14-15 marzo 2017 – PATAGONIA E TERRA DEL FUOCO Moto Tour 2017 di Pinuccio & Doni – Montevideo URUGUAY, Madrid SPAGNA, Milano ITALIA – Eccoci arrivati all’ultimo giorno della  4^ tappa del lungo viaggio dall’Alaska a Ushuaia dove in realtà sarebbe dovuto concludersi anche la nostra esperienza nelle 3 Americhe dopo aver percorso 52mila km in 260 giorni di viaggio. E invece siamo risaliti per altri 4mila km fino in Uruguay, esattamente dove era iniziata questa 4^ tappa, in previsione di lasciare la moto “parcheggiata” qui altri 6 mesi per poi continuare il viaggio alla scoperta del Brasile [vedi sito]. Così ieri abbiamo affidato la nostra instancabile Transalp nelle mani di Willi che si prenderà cura di lei fino al nostro ritorno a Montevideo. Adesso non ci resta altro da fare che chiudere i bagagli e recarci in aeroporto in tempo utile per il nostro comodo volo Air Europe acquistato da VOLONLINE.IT  che ci riporterà in Italia dopo un solo e brevissimo scalo a Madrid . In molti ci chiedono come ci organizziamo con le valigie, dato che viaggiando in moto non possiamo certo portarle con noi, quindi approfitto per scrivere due righe a proposito dei bagagli. Dunque, abbiamo acquistato al mercato un paio di quelle enormi borse che noi chiamiamo “usa e getta”, ma che in realtà poi le pieghiamo e riponiamo sul fondo delle bagagliere di alluminio MyTech dove trasferiamo gli indumenti portati da casa una volta giunti nel luogo dove avevamo lasciata “parcheggiata” la nostra moto alla fine della tappa precedente. Così facendo quando termina l’ultima tappa abbiamo ancora le sacche da riutilizzare per riportare a casa tutte le nostre cose. Il problema di questi borsoni è che sono facilmente apribili e soggetti a rotture, quindi per evitare che questo accada, nei primi viaggi li infilavamo dentro grossi sacchi tipo quelli dell’immondizia e poi gli facevamo intorno numerosi giri di nastro adesivo. Adesso però ci siamo “specializzati”, abbiamo scoperto il Borsone Check-in venduto da Bertoni Tende, indicato per proteggere gli zaini dai danni derivanti dalla spedizione aerea, dotato di una tasca interna che si trasforma in custodia una volta ripiegato. Ha anche una cerniera che è possibile chiudere con un lucchetto, insomma per noi è perfetto [vedi sito]. Quindi per i lunghi viaggi aerei ci organizziamo con 2 Borsoni Bertoni Check-in da mandare in stiva, invece come bagaglio a mano ci troviamo bene con le 2 borse di cordura della MyTech, le stesse che poi utilizziamo in moto per riporre i nostri indumenti all’interno delle valigie laterali MyTech in alluminio [vedi sito]. Insomma, piccoli accorgimenti necessari per chi come noi sta viaggiando a tappe intorno al mondo ;)  Arrivati a casa corro da Michele, il mio barbiere “milanese” per farmi tagliare un paio di kg tra barba e capelli, ogni volta che rientro da un lungo viaggio appena mi vede si spaventa perché sembro un'altra persona , ma dopo il suo “trattamento” torno il “ragazzo” di sempre ;)  Una volta rimesso a nuovo vado in garage a salutare le mie fidanzate rimaste a casa, la Regina Africa Twin del 1988 e la Super Ténéré del 1989, poi per farle felici le porto a fare una passeggiata. Intanto che sono in garage mi cade l’occhio su una bandiera che ci aveva regalato Celso Zagonel, un simpatico motociclista brasiliano incontrato un paio d’anni fa in Nicaragua, il quale ci aveva fin da subito invitato a passare da casa sua in Brasile, per conoscere suo papà italiano perchè ha tanta voglia di parlare un po’ la nostra lingua visto che in famiglia usano solo il portoghese. Ripensando al giorno del nostro incontro in Nicaragua, punto il dito sulla bandiera del Brasile dicendo tra me e me: ecco questo sarà il nostro prossimo viaggio e questa bandiera verrà con noi, insieme a quella italiana!!! BRASIL... stiamo arrivando!!! [vedi blog: Dopo Ushuaia... BRASILE Moto Tour 2017 di Pinuccio e Doni]


Itinerario seguito durante la 4^ tappa del viaggio From Alaska to Ushuaia: Montevideo, Ruta 40, Carretera Austral, Ushuaia, Ruta 3, Buenos Aires, Montevideo

MONTEVIDEO Airport



Scalo a MADRID

Borsone Check-in venduto da Bertoni Tende

Borse interne per Valigie in Alluminio MyTech

Arrivati a Milano Malpensa

Michele, il mio parrucchiere "milanese"

dopo il "trattamento" di Michele, il mio barbiere "milanese"

Incontro con le mie fidanzate: Africa Twin del 1988 e Super Ténéré del 1989

La bandiera del Brasile che ci ha regalato il simpatico motociclista brasiliano Celso Zagonel conosciuto 2 anni prima in Nicaragua

Itinerario prossimo viaggio: Brasile Moto Tour 2017 [vedi sito]

Itinerario prossimo viaggio: BRASILE Moto Tour 2017 [vedi blog]


ALASKA USHUAIA BRASILE 2014 - 2017

WWW.PINUCCIOEDONI.IT

63) Montevideo, URUGUAY

-34.891719$-56.125369$63) 13 marzo 2017 – PATAGONIA E TERRA DEL FUOCO Moto Tour 2017 di Pinuccio & Doni – Montevideo, URUGUAY – Con la moto completamente scaricata dai bagagli ci rechiamo all’officina di Willi, che, oltre ad essere un bravo meccanico, ha anche uno spazio dove tiene le moto dei viaggiatori di tutto il mondo. Così prima che torneremo a ritirarla tra 6 mesi, ce la farà trovare con i lavori di normale manutenzione già fatti e le gomme nuove montate, pronta a riprendere il viaggio verso la prossima meta: il Brasile!!! Sistemata la moto da Willi, prendiamo un autobus per andare a fare due passi nella città vecchia. Ormai a Montevideo siamo di casa e ogni volta che passiamo da qui abbiamo un appuntamento fisso con un ristorante all’interno del Mercado del Puerto, qui in Uruguay secondo noi si mangia la migliore carne alla griglia di tutto il Sud America, ed è tradizione stappare una bottiglia di “Medio Y Medio” il famoso vino che si beve soltanto qui. Dopo una lunga passeggiata per smaltire, torniamo un po’ in albergo per cominciare a sistemare i bagagli nelle nostre valige usa e getta da noi brevettate (mica ce le possiamo portare in moto). Quando viene sera usciamo per prendere un altro autobus che ci porta nei pressi dell’hostal Buona Onda Residencia dove ci aspettano gli amici Lorena e Luca che ci hanno invitato per una bella serata accompagnata da ottimi spaghetti alla carbonara, che qui in Uruguay per noi sono come vedere un miraggio nel deserto ;)  





































WWW.PINUCCIOEDONI.IT